Storia e Filosofia Aziendale

Azienda Celli

1962-1967: Dal piccolo distributore alla grande distribuzione

L’avventura di GIULIANO CELLI inizia nel 1963 a Borgo San Rocco di Savignano sul Rubicone quando rileva un negozio di generi alimentari, con annesso punto vendita di carburanti Shell.

Giuliano, di propria iniziativa e spronato dal suo datore di lavoro ALFREDO SEMPRINI, decide di “saltare il fosso”, come era solito dire Alfredo di chi vuole iniziare una propria carriera e, facendo tesoro dei consigli del primo maestro di vita, inizia il suo cammino personale nel mondo del commercio.

Comincia così un periodo di grande impegno e sacrificio, ma anche di successi e soddisfazioni dove le doti innate si manifestano nei risultati ottenuti. Un grande aiuto viene anche dai familiari e soprattutto dalla cara mamma MARIA, sua ispiratrice, braccio destro e sprone nel lavoro del negozio e nella gestione del piccolo distribitore di carburanti.

Fin da subito, da quelle tre pompe Shell complementari al negozio di alimentari, Giuliano comprende il ruolo strategico che si prosetta nel settore carburanti e, da quella prima esperienza a Borgo San Rocco, intravede quello che sarà il suo futuro. Così nel 1967 decide di concludere l’avventura del negozio di generi alimentari ed insieme al fratello GINO acquistano un terreno ed una licenza per gestire un deposito di carburanti all’ingrosso in Via Emilia Est sempre a Savignano sul Rubicone. Da questo deposito i due fratelli danno vita ad un importante commercio locale di prodotti petroliferi e decidono di stringere uno strategico sodalizio con la principale multinazionale energetica dell’epoca: la Mobil Oil Italiana, che permetterà a Giuliano e Gino di sviluppare in completa autonomia la nuova avventura nel mondo dei carburanti.
L’accordo con Mobil Oil fu possibile anche grazie al diretttore generale di allora, l’indimenticato commendatore BRILLANTE PAGANELLI di Padova, quasi un secondo padre per Giuliano, sempre prodigo di consigli nel lavoro e nella vita, e per questo rimasto e ricordato soprattutto come grande amico.

Anni ’70 e ’80: Lo sviluppo dell’azienda

Iniziano gli anni ’70 e con loro il periodo delle storiche crisi petrolifere; Mobil Oil decide di alleggerire la propria presenza sul mercato italiano e Giuliano coglie l’opportunità prospettata di stringere una ulteriore collaborazione con un’altra multinazionale di primo livello: la GULF ITALIANA.

Gli ambiziosi progetti di radicamento nel territorio nazionale della compagnia petrolifera, vanno a braccetto con la determinazione di Giuliano e il nuovo sodalizio sembra la naturale prosecuzione di un successo annunciato. Anche in questo caso il ruolo delle persone è stato fondamentale: alla guida della Gulf, nella filiale di Bologna, si insedia il Dott. GIANCARLO MANTELLINI. L’intesa fra i due è immediata; il rispetto e la sincerità delle intenzioni è tale che il rapporto prosegue oltre il lavoro; l’esperienza e le capacità del dott. Mantellini fanno il resto.

Arrivano gli anni ’80 e si aggiunge un nuovo tassello alle attività già in essere: nel 1982 viene costruito a San Mauro Pascoli il primo distributore stradale di carburanti che prosegue nel segno della collaborazione con Gulf Italiana, della quale, ancora per poco porta i colori.

Gli avvicendamenti non finiscono e nel 1984, quale novità assoluta nel panorama petroliferio nazionale, le attività della Gulf vengono acquistate dalla KUWAIT PETROLEUM ITALIA SPA che aveva nel frattempo acquisito anche le attività italiane della Mobil Oil. Anche in casa Celli si succedono gli eventi: il fratello Gino lascia l’azienda e Giuliano continua l’avventura da solo costituendo una nuova società, la PETRO-OIL SAS e continuando a macinare tonnelate di prodotti con il nuovo e fresco marchio Q8. Anche la moglie EVA ha un ruolo fondamentale e continua tuttora a seguire con pazienza le frenetiche attività di Giuliano rappresentando un approdo sicuro in tutte le tempeste.

Nel frattempo iniziano ad affacciarsi in azienda i figli PATRIZIA ed ALESSANDRO, che progressivamente alternano studio e lavoro, cominciando ad interessarsi alle attività di famiglia.

Oggi sono attivamente al fianco di Giuliano, amministratori della società con grande orgoglio per tutta la famiglia; e con questo spirito, Giuliano ha sempre accolto tutti i collaboratori che negli anni si sono succeduti. Tra questi, fin dalla sua prima esperienza oltre 25 anni fa, ROBERTO VANDI segue tutte le attività della ditta in prima persona con una professionalità unica ed impareggiabile. L’impegno e la lealtà di Roberto rappresentano un valore per tutta quanta la famiglia Celli.

Il cammino iniziato da Giuliano con Q8, nel 1986 si incrocia con il carissimo Ing. ALESSANDRO PROIETTI, entrato nella “giovane” compagnia petrolifera e divenuto poi vice presidente della stessa. A sottolineare l’importanza dei rapporti umani sempre prediletti da Giuliano, la nuova collaborazione dà fin da subito i risultati immaginati con soddisfazioni reciproche che vanno ben oltre il rapporto commerciale. Alessandro Proietti è tutt’ora una figura di riferimento per l’intera famiglia; la sua esperienza e particolare sensibilità continuano a segnare ancora la strada di Giuliano e dei figli.

Anni 2000: la collaborazione con Shell Italia

Entriamo nel secondo millennio e l’evoluzione del percorso vede ancora una svolta: nel 2004 la famiglia decide di interrompere il rapporto con Q8 e le porte si aprono con un ritorno alle origini: la rete degli impianti stradali prende i colori SHELL ITALIA a seguito di un nuovo accordo commerciale che vede protagonisti Giuliano da una parte e la D.ssa ANTONELLA PAPESCHI dall’altra, direttore generale della Shell Italia con sede a Milano.

L’austera e performante impostazione anglosassone della compagnia petrolifera non impedisce certo di poter apprezzare le doti umane e nello stesso tempo manageriali di Antonella che ha lasciato un segno indelebile lungo il percorso imprenditoriale dell’intera familgia Celli.

Oggi: La nascita del marchio GEP per una rete innovativa

Ma l’evoluzione non ha mai fine, ed è giusto che così sia: nel 2010 viene chiuso il deposito extra rete per concentrarsi totalmente allo sviluppo della rete. L’esperienza maturata in quasi cinquant’anni di rapporti stretti con le principali compagnie petrolifere fa nascere nuove esigenze: ormai il terreno è pronto per intraprenedere una nuova avventura, dove un’organizzazione totalmente indipendente possa esprimersi nei migliori dei modi. Con queste premesse nasce il marchio GEP (Gestioni, Energie, Petroli) e nel 2013 viene aperta la prima nuova stazione di servizio a colori GEP alla quale sono progressivamente seguite tutte le altre.

Si può concentrare questo lungo e interminabile cammino con una parola: “PASSIONE”, perchè, come diceva Brecht “..gli uomini passionali non trovano riposo nel riposo, ma solo nel movimento. A loro la riflessione serve a poco. In loro le decisioni rapide, impetuose, sono talora le più obiettive e le più pratiche. Se non possono viaggiare in un carro, devono almeno tirarlo, altrimenti si fanno trascinar sotto”.

In Primo Piano