Nuove sigle dei carburanti: come cambiano le etichette ai distributori | GEP Carburanti - Celli

Nuove sigle dei carburanti: come cambiano le etichette ai distributori

Da ottobre 2018 sono cambiate le etichette degli erogatori di benzina, diesel, metano e GPL presso i distributori italiani. Facciamo un po’ di chiarezza su queste novità.

Il 12 ottobre 2018 è entrato in vigore il decreto italiano che recepisce il regolamento europeo 2014/94, il quale introduce un nuovo standard di simbologia dei carburanti valido per tutti i paesi UE.

Lo scopo del regolamento è principalmente proprio quello di uniforme i simboli di tutti i carburanti nei diversi paesi dell’Unione Europea per evitare all’utente di fare confusione quando si trova in uno Stato membro diverso dal proprio.

Promo GEP Carburanti

Hai acquistato o convertito l’auto a Metano o GPL nel 2018? Richiedi Gratuitamente l’incentivo GEP di €.500. Scopri di più...

Inoltre le nuove etichette sono pensate per fornire informazioni più dettagliate al consumatore riguardo al prodotto erogato, come vedremo nel dettaglio delle etichette in seguito.

Le vecchie indicazioni (“Senza Piombo”, “Diesel”, ecc..) spariranno?

La risposta è NO. Le vecchie terminologie non saranno sostituite. Il regolamento prevede l’introduzione dei nuovi simboli standard sugli erogatori (e anche sui tappi serbatoio delle auto di nuova produzione), ma non vieta l’utilizzo di altre indicazioni.

Ciò significa che in tutti gli impianti GEP Carburanti (e verosimilmente nella quasi totalità degli altri impianti italiani) le vecchie diciture rimarranno presenti e semplicemente affiancate dai nuovi simboli.

I titoli apparsi sulla stampa in questi giorni, del tipo “dal 12 ottobre i carburanti cambiano nome”, sono pertanto quantomeno fuorvianti.

Come sono fatte e come si leggono le nuove etichette dei carburanti?

Innanzitutto hanno forme diverse per ogni tipologia di carburante, ad ognuno dei quali è assegnato una sigla di una o più lettere che può essere seguita da un numero. Analizziamo di seguito tutte le tipologie, una per una.

BENZINA

L’etichetta è di forma circolare con il simbolo “E”, seguito da un numero che indica la quantità in percentuale di etanolo. Queste le tre tipologie esistenti:

benzina-e5

Benzina

con Etanolo al 5%
benzina-e10

Benzina

con Etanolo al 10%
benzina-e85

Benzina

con Etanolo al 85%

GASOLIO (DIESEL)

L’etichetta è di forma quadrata con il simbolo “B”, seguito da un numero che, in questo caso, indica la quantità in percentuale di Biodiesel (la sigla cambia in XTL nel caso in cui si tratti di gasolio sintetico non derivante dal greggio). Queste le tre tipologie:

diesel-b7

Gasolio

con biodiesel al 7%
diesel-b10

Gasolio

con biodiesel al 10%
diesel-xtl

Gasolio sintetico

non derivante dalla raffinazione del greggio

GAS CARBURANTI

L’etichetta è di forma romboidale e contiene all’interno il simbolo internazionale del carburante. Queste le quattro tipologie:

gpl

GPL

Gas di Petrolio Liquefatti
metano

Metano

Gas Naturale Compresso
metano-liquido

Metano Liquido

Gas Naturale Liquefatto
idrogeno

Idrogeno

© GEP Carburanti - Riproduzione Riservata.